Connect with us

Serie A

Udinese-Roma sospesa, paura per le condizioni N’Dicka, probabile infarto

Published

on

Udinese-Roma sospesa, paura per le condizioni N'Dicka, probabile infarto

Nel match tra Udinese e Roma, una situazione di apprensione si è verificata nel secondo tempo quando Evan N’Dicka della Roma è collassato in campo, richiedendo l’intervento immediato dei soccorsi medici. La partita è stata sospesa per due minuti mentre i medici hanno valutato le condizioni del giocatore, che sembrava comunque cosciente. Alla ripresa del gioco, la partita è terminata con un pareggio 1-1 tra le due squadre.

Durante la partita tra Udinese e Roma, si è verificato un momento di preoccupazione quando Evan N’Dicka ha avvertito un dolore al petto, richiedendo l’intervento dei soccorsi. Trasportato fuori dal campo su una barella, ha fatto segno di essere cosciente verso la panchina. La gara è stata momentaneamente sospesa mentre i medici valutavano le sue condizioni. Il tecnico della Roma, Daniele de Rossi, e il capitano Gianluca Mancini sono andati negli spogliatoi per monitorare la situazione e hanno poi comunicato che il giocatore stava bene. Al momento, la partita resta ferma.

Daniele De Rossi è tornato negli spogliatoi con una richiesta chiara: “Fateci sapere le sue condizioni”. La Roma ha formulato la richiesta di sospendere la partita, una decisione condivisa sia dall’Udinese che dall’arbitro Pairetto. Anche la dichiarazione ai tifosi giallorossi in trasferta a Udine è stata accolta con comprensione. La situazione spiegata da Pellegrini e Mancini è stata chiara per tutti, creando un clima di solidarietà e sostegno durante questo momento delicato.

Poco prima, al 64′, la partita è in parità 1-1 grazie alla rete di Lukaku su assist di Cristante. La gara, con un ritmo serrato, ha visto l’Udinese chiudere il primo tempo in vantaggio grazie alla rete di Pereyra, che ha sfruttato un errore difensivo e ha superato Svilar. Nonostante il controllo del pallone da parte della Roma, le azioni offensive sono state limitate a un tiro da fuori area di Baldanzi e un colpo di testa di Lukaku.

Il match tra Udinese e Roma non proseguirà a causa della forte preoccupazione dei giocatori in campo per l’incidente accaduto a N’Dicka. De Rossi, rientrando dallo spogliatoio, ha rassicurato sullo stato cosciente del giocatore, ma i compagni di squadra hanno deciso unanimemente di interrompere la partita.

Dopo un incontro tra Pairetto, i capitani e gli altri giocatori in campo, è stata presa la decisione di sospendere definitivamente la partita al 77º minuto. La partita sarà quindi riprogrammata con il punteggio di 1-1 e 13 minuti ancora da giocare.

Secondo il regolamento, la partita deve essere disputata entro un limite di 24 ore, tuttavia la Roma ha già un impegno giovedì prossimo per il ritorno dei quarti di Europa League contro il Milan. Di conseguenza, la partita con l’Udinese verrà rinviata a una data successiva, probabilmente prossima settimana, il cui rinvio dipenderà dall’esito della partita dei giallorossi in Europa League.

La prossima partita di campionato della Roma sarà contro il Bologna, in programma per lunedì 22, una partita cruciale per la lotta alla qualificazione in Champions League.

Probabile infarto al check up

Subito dopo la fine della partita, alcuni commentatori televisivi hanno discusso della possibilità di un infarto per il difensore della Roma.

Durante la partita, il giocatore potrebbe aver manifestato sintomi indicativi di un possibile infarto. Questo è un evento serio che richiede un immediato intervento medico. Una volta soccorso, è stata avviata un’attenta valutazione delle sue condizioni per garantire il suo benessere.

Evan N’Dicka è stato trasportato in ospedale a Udine per ulteriori accertamenti al fine di comprendere appieno quanto accaduto in campo. Gli esami mirano a fornire chiarezza sulla sua condizione. In attesa di ulteriori aggiornamenti, nessuna delle due squadre rilascerà dichiarazioni alla stampa.

“Forza Evan”, messaggi di pronta guarigione fioccano sui social

Sui social media, numerosi messaggi di sostegno per il giocatore stanno affluendo da parte di tifosi, compagni di squadra e altre squadre. I post includono parole di incoraggiamento e auguri di pronta guarigione per N’Dicka, dimostrando un forte senso di solidarietà e supporto durante questo momento difficile vista anche la ricorrenza della morte di Morosini nel 14 aprile di 12 anni fa sul campo, proprio per problemi cardiaci come ricordato subito in telecronaca da Buscaglia.

La tragedia della morte in campo sconvolse profondamente tutti e diede un forte impulso alla consapevolezza sull’importanza della prevenzione delle patologie cardiache. Si capì quanto fosse cruciale non solo sensibilizzare sull’argomento, ma anche formare operatori sanitari in grado di utilizzare dispositivi indispensabili come i defibrillatori. Questa consapevolezza ha portato a un’impegno maggiore nella formazione e nella disponibilità di strumentazioni mediche salvavita negli ambienti sportivi e oltre, contribuendo a salvare vite e a proteggere la salute di atleti e persone in generale.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serie A

Juventus, annunciato Thiago Motta: si avvicina Douglas Luiz

La Juventus ufficializza Thiago Motta come nuovo allenatore. L’ex Bologna succederà ad Allegri e siederà sulla panchina bianconera fino al 2027. In parallelo, si avvicina Douglas Luiz

Published

on

Thiago Motta

Dopo una lunga attesa arriva finalmente l’ufficialità. Thiago Motta sarà il nuovo allenatore della Juventus, che ha ufficializzato l’accordo fino al 2027 con l’ex allenatore del Bologna che seguiva sin da inizio anno. Al contempo, la Vecchia Signora è ad un passo da Douglas Luiz dall’Aston Villa, primo rinforzo per Motta insieme a Di Gregorio dal Monza. Per il centrocampista brasiliano, la Juventus è pronta a garantire 20 milioni agli inglesi insieme ai cartellini di Iling Jr e McKennie.

Continue Reading

Serie A

Conte al Napoli, le cifre dell’accordo con De Laurentiis

Contratto fino al 2027 e ingaggio da top assoluto: Antonio Conte torna in Serie A e lo fa sulla panchina del Napoli di Aurelio De Laurentiis

Published

on

Conte e De Laurentiis

La giornata di ieri ha sciolto ogni dubbio, semmai ce ne fossero ancora. Antonio Conte è il nuovo allenatore del Napoli e la tanto agognata firma sul contratto è stata apposta tra foto e sorrisi.

“Forza Napoli” ha ribadito il tecnico salentino intercettato dai primi microfoni, una dichiarazione d’amore che potrebbe stonare con il suo passato sportivo ma calza a pennello con la sua ambizione. Per questo, De Laurentiis ha optato per un triennale da 6 milioni a stagione, stesso ingaggio che all’ombra del Vesuvio si riserva al top player.

E Conte lo è, checché se ne dica: tre Scudetti con la Juventus e uno con l’Inter lo rendono pienamente consapevole dell’ambiente Serie A, soprattutto dell’alta classifica. Piazzamento da agguantare assolutamente per non ripetere la sciagurata annata appena conclusa ed in tal senso tanto – forse tutto – dipenderà dalle strategie di mercato dei prossimi mesi.

Continue Reading

Serie A

Inter, Oaktree ha deciso: Marotta è il nuovo presidente

Beppe Marotta è il nuovo presidente dell’Inter. Le quotazioni del dirigente nerazzurro sono decollate nelle ultime ore, fino alla finale approvazione da parte di Oaktree

Published

on

Marotta, Inter @Twitter

L’Inter muta i ruoli a livello dirigenziale e non solo per quanto riguarda la proprietà. Il fondo Oaktree, infatti, ha ufficializzato la nomina di Beppe Marotta come nuovo presidente del club nerazzurro.

L’ormai ex amministratore delegato è il 22º della storia dell’Inter a ricoprire tale carica e ha speso parole al miele per Oaktree: “Li ringrazio, sono orgoglioso di far parte dell’Inter. Questa nomina è il riconoscimento lavoro svolto da molte persone in questi 3 anni”.

Continue Reading

Trending