Connect with us

Serie A

Tu chiamale se vuoi emozioni…

Non ci ho creduto. No, non ci credevo proprio. A Frosinone si è vissuto un turbinio di emozioni, con telefoni costantemente collegati con lo stadio di Empoli. Lentissimamente sì è arrivati al triplice fischio finale ed in curva bianconera è scoppiata la festA!

Published

on

Curva Udinese

Non ci ho creduto. No, non ci credevo proprio. Quando la scorsa settimana ho incrociato Vincent Candela (ex giocatore di Roma e Udinese) all’aeroporto di Fiumicino e gli ho chiesto se per la salvezza potevamo contare anche sui giallorossi, lui mi ha risposto che a Roma stavano già in vacanza. Purtroppo aveva ragione. A prescindere dal numeroso e costante apporto dei tifosi della Magica (da non dimenticare lo striscione messo fuori da Trigoria venerdì scorso) dobbiamo prendere definitivamente atto che in campo non ci vanno i ragazzi della Curva Sud.

A Frosinone, quindi, si è vissuto un turbinio di emozioni, con telefoni costantemente collegati con lo stadio di Empoli. Va sottolineato, peraltro, che nella curva friulana erano presenti diversi tifosi della Roma con i vessilli giallorossi.

Ad un certo punto, con collegamenti telefonici intasati, in curva friulana giravano “fantozziane” voci che la Roma stesse vincendo 7-0 con 6 gol di Dybala…

Si è andati avanti così fino al 76º quando allo stadio Stirpe il bianconero Davis ha sbloccato la partita. A quel punto la curva friulana è letteralmente esplosa ed è riuscita ad alzare i decibel già abbondantemente alti fino ad un momento prima.

Da quel momento i secondi sono passati lentissimi e sono parsi addirittura fermarsi quando da Empoli è arrivata la nefasta notizia del gol di Niang che ha portato in vantaggio l’Empoli. Allo Stirpe è letteralmente sceso il gelo col Frosinone che a quel punto era in B. Lì ho provato sinceramente a mettermi nei panni dei tifosi gialloazzurri e non riesco ancora ad immaginare cos’abbiano provato.

Lentissimamente sì è arrivati al triplice fischio finale ed in curva bianconera è scoppiata la festA! Per noi tifosi è stata davvero una liberazione dopo una stagione soffertissima, costellata da una squadra messa su alla bell’è meglio, con una miriade di infortuni e con tre allenatori che si succeduti in panchina.

Con la squadra dell’Udinese sotto la curva si è continuato a cantare e ballare per quasi un’ora. Sono state emozioni davvero forti (che peraltro il sottoscritto è stato felicissimo di aver condiviso col proprio figlio) ma il prossimo anno preferirei salvarmi qualche giornata prima.

A margine vorrei lodare il presidente del Frosinone. Davvero un gran signore, cui auguro di riportare quanto prima i gialloazzurri in serie A. Contrariamente trovo decisamente da denigrare l’atteggiamento del Presidente dell’Empoli, cui posso solo dire di pazientare perché prima o poi tutto torna…

Come poteva finire questa splendida (per noi tifosi dell’Udinese) giornata? Ovviamente sostenendo comunque gli amici che ci sono sempre stati vicini e con cui si è instaurato un bellissimo rapporto; così dalla Curva Nord Udinese è partito il coro “Alè Roma alè!”.

Serie A

Juventus, annunciato Thiago Motta: si avvicina Douglas Luiz

La Juventus ufficializza Thiago Motta come nuovo allenatore. L’ex Bologna succederà ad Allegri e siederà sulla panchina bianconera fino al 2027. In parallelo, si avvicina Douglas Luiz

Published

on

Thiago Motta

Dopo una lunga attesa arriva finalmente l’ufficialità. Thiago Motta sarà il nuovo allenatore della Juventus, che ha ufficializzato l’accordo fino al 2027 con l’ex allenatore del Bologna che seguiva sin da inizio anno. Al contempo, la Vecchia Signora è ad un passo da Douglas Luiz dall’Aston Villa, primo rinforzo per Motta insieme a Di Gregorio dal Monza. Per il centrocampista brasiliano, la Juventus è pronta a garantire 20 milioni agli inglesi insieme ai cartellini di Iling Jr e McKennie.

Continue Reading

Serie A

Conte al Napoli, le cifre dell’accordo con De Laurentiis

Contratto fino al 2027 e ingaggio da top assoluto: Antonio Conte torna in Serie A e lo fa sulla panchina del Napoli di Aurelio De Laurentiis

Published

on

Conte e De Laurentiis

La giornata di ieri ha sciolto ogni dubbio, semmai ce ne fossero ancora. Antonio Conte è il nuovo allenatore del Napoli e la tanto agognata firma sul contratto è stata apposta tra foto e sorrisi.

“Forza Napoli” ha ribadito il tecnico salentino intercettato dai primi microfoni, una dichiarazione d’amore che potrebbe stonare con il suo passato sportivo ma calza a pennello con la sua ambizione. Per questo, De Laurentiis ha optato per un triennale da 6 milioni a stagione, stesso ingaggio che all’ombra del Vesuvio si riserva al top player.

E Conte lo è, checché se ne dica: tre Scudetti con la Juventus e uno con l’Inter lo rendono pienamente consapevole dell’ambiente Serie A, soprattutto dell’alta classifica. Piazzamento da agguantare assolutamente per non ripetere la sciagurata annata appena conclusa ed in tal senso tanto – forse tutto – dipenderà dalle strategie di mercato dei prossimi mesi.

Continue Reading

Serie A

Inter, Oaktree ha deciso: Marotta è il nuovo presidente

Beppe Marotta è il nuovo presidente dell’Inter. Le quotazioni del dirigente nerazzurro sono decollate nelle ultime ore, fino alla finale approvazione da parte di Oaktree

Published

on

Marotta, Inter @Twitter

L’Inter muta i ruoli a livello dirigenziale e non solo per quanto riguarda la proprietà. Il fondo Oaktree, infatti, ha ufficializzato la nomina di Beppe Marotta come nuovo presidente del club nerazzurro.

L’ormai ex amministratore delegato è il 22º della storia dell’Inter a ricoprire tale carica e ha speso parole al miele per Oaktree: “Li ringrazio, sono orgoglioso di far parte dell’Inter. Questa nomina è il riconoscimento lavoro svolto da molte persone in questi 3 anni”.

Continue Reading

Trending