Connect with us

Atletica

Marcia mista, Fortunato-Trapletti campioni del mondo: Stano-Palmisano, addio Parigi

Italia campione del mondo nella marcia mista: Fortunato-Trapletti rimontano e vincono, Stano-Palmisano costretti all’addio a Parigi

Published

on

Fortunato-Trapletti

Il mondo dell’atletica guardava al debutto della disciplina della marcia mista ai Mondiali con gli occhi puntati sulle due medaglie d’oro all’Olimpiade di Tokyo, vale a dire Massimo Stano e Antonella Palmisano, salvo trovarsi travolto da una gara sorprendente.

La coppia di Italia 1, che aveva dichiarato di voler inseguire la doppia medaglia in quel di Parigi, è costretta al ritiro quando Stano è vittima di infortunio dopo l’inciampo su una bottiglietta d’acqua gettata da un rivale. Con i protagonisti assoluti, sul fronte italiano e mondiale, chiamati fuori dalla contesa, la gara cambia totalmente volto.

Giappone e Brasile conducono, salvo due rossi pendenti a rischiare di compromettere la spedizione. Italia 2, costretta ad una gara di complessa rimonta, coglie importanti segnali di risalita da Francesco Fortunato, il quale concede poi una storica chiusura a Valentina Trapletti.

Fortunato e Trapletti, storica rimonta: l’Italia campione del mondo vola a Parigi

Al km 38 la seconda rappresentativa dell’Italia è al 4° posto, a 32″ dalla vetta. Proprio Trapletti cambia radicalmente marcia e, giovando dell’accortezza alla quale sono costrette le avversarie che la precedono, conclude una rimonta inattesa.

Superata la Spagna, e posto il primo piede sul podio, il Brasile incappa nel terzo ammonimento, il quale vale il 2° posto all’Italia. La leader giapponese Okada crolla sul finale, Trapletti continua ad incrementare il proprio ritmo sino al sorpasso ed al netto vantaggio imposto, pur nei pochi metri rimanenti.

In 2h 56′ 44″ l’Italia si laurea campione del mondo nella marcia mista. Francesco Fortunato e Valentina Trapletti, da outsider, portano a compimento una rimonta storica e volano a Parigi, da seconda rappresentativa azzurra al via della gara. Niente da fare, invece, per Massimo Stano e Antonella Palmisano. Le medaglie d’oro di Tokyo si presenteranno all’Olimpiade nelle sole gare individuali.

Atletica

Europei atletica, Jacobs e Tortu trascinano la 4×100: Italia da record con 11 ori

L’Italia non si ferma e nell’ultima giornata degli Europei d’atletica migliora ancora la rassegna da record con l’oro nella 4×100 di Jacobs e Tortu oltre che altri due argenti e un bronzo

Published

on

Staffetta Italia europei

Si concludono al meglio gli Europei di atletica per l’Italia, che, in una rassegna storica, centra l’oro anche nella staffetta 4×100 nella serata di mercoledì 12 giugno. Una gara perfetta quella disputata dai campioni iridati a Tokyo Marcell Jacobs, Filippo Tortu e Lorenzo Patta, in questa occasione schierato in terza frazione, insieme alla “new entry” Matteo Melluzzo.

Europei: Iapichino e 4×400 d’argento, Arese trova il bronzo

Si tratta dell’undicesima medaglia d’oro per l’Italia nei campionati europei, ma nell’ultima giornata di gare sono giunti anche due argenti e un bronzo. Larissa Iapichino, infatti, è salita sul secondo gradino del podio nel salto in lungo, grazie al 6.94 trovato all’ultimo tentativo, che le ha permesso di superare le rivali De Sousa e Assani, posizionandosi dietro solo a Mihambo.

Argento, il nono italiano, anche per la 4×400 maschile, nonostante l’assenza di Sibilio. Sito, Aceti, Mele e Scotti hanno avuto la meglio sulla Germania per un centesimo, dietro al Belgio. Infine, Pietro Arese è riuscito a salire sul terzo gradino del podio nei 1500 metri, in volata, trovando così il quarto bronzo per il Belpaese.

Continue Reading

Atletica

Atletica, l’Italia fa la storia: oggi le staffette

L’Italia fa la storia agli Europei di Atletica di Roma e si prende il primo posto nel medagliere: squilli verso Parigi, oggi le staffette

Published

on

Tamberi

Programmazione degli Europei di Atletica, di scena a Roma, alle battute finali. In serata le staffette della 4×100, e le due 4×400, chiuderanno, infatti, la kermesse. L’Italia fa la storia d’Europa dinanzi al pubblico di casa, svettando nel medagliere con, prima dell’ultima serata, 20 medaglie (10 ori, 7 argenti e 3 bronzi).

Momenti storici da parte della Nazionale più forte della storia italiana. Il triplo oro in 42 minuti nella notte dell’8 giugno, con Jacobs, Simonelli e Fabbri avvolti nel tricolore, è certamente una delle istantanee simbolo di una rassegna che rilancia le speranze del Bel Paese verso Parigi.

Tokyo non un caso, ma l’alba della golden era dell’atletica azzurra. Roma, prima della prossima Olimpiade, ne è già la conferma. Tamberi, Jacobs, Tortu, Palmisano e Stano sono campioni noti alle cronache dei cinque cerchi; gli astri nascenti Fabbri, Simonelli, Fantini, Furlani e Dosso cercano la prima gloria di carriera nel teatro più importante; Ali, Trapletti, Battocletti e Crippa, dopo gli ottimi Europei di Roma, voleranno a Parigi per conferme di crescita di uno dei movimenti più floridi del panorama olimpico.

Continue Reading

Atletica

Atletica, l’Italia brilla a Savona: Furlani, Dosso e Fabbri da record

Arrivano ottimi risultati per l’Italia di Atletica al meeting di Savona. Dosso e Fabbri infrangono il record italiano delle loro specialità, mentre Furlani avvicina Howe

Published

on

Furlani, atletica

Brilla l’Italia di atletica al meeting di Savona, andato in scena mercoledì 15 maggio. Da record, infatti, sono state le prestazioni di Mattia Furlani, Zaynab Dosso e Leonardo Fabbri. Non solo, perché spunta anche un nuova stella con Daniele Inzoli che bussa alla porta dei grandi. È arrivato, poi, un ottimo esordio stagionale outdoor di Larissa Iapichino al meeting di Kallithea, dove bissa il successo dello scorso anno.

Salto in lungo Savina, Furlani conferma: Inzoli outsider

Mattia Furlani continua a sorprendere. L’argento mondiale indoor nel salto in lungo infatti, a Savona ha siglato il nuovo record del mondo under 20, saltando 8.36 metri. Undici sono i centimetri che ora lo separano dal record italiano di Andrew Howe.

Nella stessa prova, però, si è anche distinto un’altra giovane promessa dell’atletica italiana. Il classe 2008 Daniele Inzoli è infatti terminato in quinta posizione centrando il record del mondo under 16 a 7.90 metri.

Dosso, atletica

Atletica, Dosso e Fabbri da record: Iapichino esordio e vittoria

Record italiani, invece, infranti da Zaynab Dosso e Leonardo Fabbri. La velocista, infatti, ha prima corso 11.12 in batteria, per poi trovare un gran 11.02 in finale, avvicinandosi prepotentemente al muro degli 11 secondi. Fabbri, invece, ha infranto il record di Alessandro Andrei nel getto del peso 26 anni dopo con un sontuoso 22.95 metri, che rappresenta anche la quinta migliore distanza di sempre.

Al meeting di Kallithea, invece, ha fatto il suo esordio all’aperto Larissa Iapichino. Nel salto in lungo, ha vinto con la misura di 6.65 metri, ripetendo il successo della scorsa stagione. Tra le avversarie, la 21enne italiana ha sconfitto anche Alina Rotaru, bronzo mondiale.

Continue Reading

Trending